Tempo di lettura: 4 minuti

Antonio Biggio è un autore emergente, nato in provincia di Genova attualmente vive  in Inghilterra.

“Fin da piccolo ho sempre amato scrivere! All’età di nove anni ho iniziato a far parte di una compagnia teatrale scolastica e da lì ho sempre praticato teatro fino al 2013, senza abbandonare la passione per la scrittura!”

Antonio ha iniziato a scrivere poesie e racconti, ed esprimendo la sua passione per l’arte teatrale sul palcoscenico, inseguito, si è trasferito in Inghilterra per  motivi lavorativi

“Così ho iniziato a prendere sul serio l’idea di scrivere un romanzo, un progetto che ho portato a termine negli ultimi tre anni!”

L’idea di scrivere un libro

Antonio

“ Il teatro non posso praticarlo in Inghilterra perché non sono madrelingua, ho abbandonato le scene ed ho iniziato a concentrarmi sulla scrittura!”

Antonio aveva in mente da tempo la storia che voleva scrivere, e così dopo aver frequentato qualche corso di scrittura per migliorarsi,  ha iniziato a mettere per iscritto le prime bozze e inseguito l’ha fatto editare

“ Durante la fase dell’editing, fatta con esperti del settore, ho imparato tantissime cose grazie alle loro correzioni e in base a ciò che andava fatto!”

Antonio ha trasferito la sua passione per il teatro e per l’arte nella scrittura, scrivendo un manoscritto di genere thriller poliziesco.

La scelta del genere secondo Antonio

“E’ stata una scelta quasi obbligata, perché la storia che volevo raccontare aveva un risvolto: partiva da un crimine!”

L’autore si è cimentato nel genere che oggi viene definito thriller noir

“Il genere poliziesco è sempre stato tra i miei preferiti!”

Ovviamente non è stato facile scrivere un romanzo di questo genere, poiché i lettori  amanti dei gialli o thriller  sono  un pubblico molto esigente e attento

“Non si può lasciare nulla al caso o dimenticare un dettaglio importante, altrimenti il prodotto risulta molto scadente!”

Infatti, il suo romanzo è stato revisionato molte volte

“La trama è importante perché è quella che tiene il lettore incollato al libro!”

Ispirazione per il libro di Antonio

“ Il libro è nato da una grande passione musicale: heavy metal, una passione che ho fin da ragazzino in particolare per gli Iron Maiden che sono i protagonisti di sottofondi di questo romanzo!”

Antonio ha voluto, nel suo romanzo, fare un tributo a questa band  musicale: gli Iron Maiden, inserendoli per la scelta del periodo storico del romanzo, cioè nel pieno del loro successo, senza porre limiti ai lettori, poiché è un romanzo adatto anche a chi non conosce e non ascolta questo genere di musica.

“Possiamo definirlo come una sottospecie di film con una colonna sonora di sottofondo!”

Antonio ci racconta che un autore dovrebbe scrivere quello che sa, e delle sue passioni per trasmettere in maniera corretta l’emozioni a chi legge.

Antonio a così incrociato le sue due grandi passioni: la musica e la scrittura.

I personaggi del libro di Antonio

“ Nei miei personaggi metto molto di me! Il protagonista è una versione di me a metà, cioè si divide tra quello che sono e quello che vorrei essere o diventare! Mentre l’altro protagonista, maschile, si ispira alla figura del mio migliore amico che nel libro rappresenta, per il protagonista,  il suo “grillo parlante”! Un altro personaggio che mi rappresenta è un ragazzino che è ispirato ad una versione di me  giovane!”

Antonio si è ispirato per creare i suoi personaggi a momenti di vita vissuta ma anche di pura fantasia.

Il libro di Antonio

Antonio

Il libro si intitola “Eddie deve morire” è ambientato nel 1982 a Londra. Si apre con l’esibizione del gruppo heavy metal: Iron Maiden, dove  ci saranno un vasto numero di persone. Il romanzo inizia con la figura di una ragazza Rose che è una terrorista che si appresterà ad andare al concerto con l’intento di fare un attentato. Man mano che la trama va avanti l’attenzione si sposta su un altro personaggio: un poliziotto che viene chiamato sulla scena di un crimine, dove la vittima sarà uno dei suoi migliori amici.

La causa del decesso sembra essere un suicidio ma Andrew, il poliziotto, non è convinto  e vuole andare infondo alla  faccenda.

Il compito del lettore è quello di scoprire cos’è successo all’amico del poliziotto: Luke, quali sono le tecniche di indagine adottate dal Andrew e come si  collega l’attentato al concerto della band con il cadavere del suo amico rinvenuto nel Tamigi.

Difficoltà nel pubblicare il libro

“Il viaggio di un libro inizia quando hai finito di scriverlo! Viene sottoposto a varie case editrici, ma prima di inviarlo a loro bisogna farlo esaminare da un editor professionista che lo migliora per renderlo più appetibile ad una casa editrice!”

Antonio ha spedito il suo manoscritto a dieci case editrici ed ha ricevuto tre proposte: ha accettato al proposta di Blitos edizioni:  una casa editrice giovane, nuova e dinamica che si rivolge al mondo dell’online

“Il mondo dell’online per me è il mondo del futuro per questo ritrovo che  è molto importante investire anche in questo settore!”

Il rapporto di Antonio con i social

“Uso molto i social Facebook e Instagram per farmi conoscere, perché credo che siano i palcoscenici migliori su cui investire in sponsorizzazioni! Inoltre, sono utili per acquisire nuovi contatti per la promozione del libro!”

Il consiglio di Antonio per gli autori emergenti

“ Fare editare il romanzo, non resistete all’impulso di scrivere e leggete tanto! Se avete una bella storia mettetela giù e mandatela ad un professionista che possa giudicare il libro in modo corretto ed aiutarvi!”

Commenta con Facebook😉
×