Tempo di lettura: 3 minuti

Carola Cestari vive a Milano con la sua famiglia e suoi amati felini

“ Adoro gli orti sul balcone, anche perchè a Milano non abbiamo molto spazio per farli in altri posti. Ho sempre amato leggere e dal 2018 ho iniziato a scrivere, prima racconti e poi romanzi!”

Come nasce la passione?

La passione per la scrittura di Carola è nata casualmente

“Ho trovato del tempo per me stessa, e navigando su internet ho notato la pubblicità di un concorso letterario per racconti e ho pensato di partecipare.

Dopo che sono stata selezionata, ho trovato la giusta spinta per partecipare ad un altro concorso e così è iniziato il mio percorso!”

Carola ha partecipato a vari concorsi letterari, in cui uno è riuscita a classificarsi prima

“Era un racconto sui femminicidi e la casa editrice Dragonfly, che aveva indetto il concorso, aveva messo in palio come primo premio la possibilità di pubblicare un romanzo!”

Così ha inizio la carriera della nostra autrice emergente di libri gialli.

La scelta del genere di Carola

Carola ha scelto per il suo primo romanzo il genere poliziesco/ giallo, ovviamente come tutti gli autori emergenti e non anche lei ha riscontrato delle difficoltà

“ La difficoltà principale è stata quella di passare da un racconto a un romanzo. Amo i racconti brevi poichè le parole sono limitate e si va subito al nocciolo.

Il romanzo,invece, è molto più lavorato: bisogna descrivere le ambientazioni, i personaggi .

La vera difficoltà l’ ho riscontrata nello strutturare un romanzo e creare dei piani strutturali per potermi ricordare chi compie l’azione in quel determinato momento e le varie fasi temporali!”

Carola è sempre stata un appassionata di thriller e gialli, questo l’ha aiutata a dar vita al suo primo romanzo “Nero catrame”.

L’ispirazione

“Mi ispira indagare la psicologia dei personaggi.

Quello che mi colpisce di più è che non siano solo dei semplici personaggi di un libro, ma delle persone “vere”.

Per esempio nel mio romanzo la protagonista Anna, che è una poliziotta, non è un supereroe ma una persona con le sue fragilità e stati d’ansia e altri vari stati emotivi che la rendono umana.

Infatti, il titolo del romanzo “Nero catrame” rispecchia proprio le sensazioni che prova la protagonista!”

Il libro

Carola

La storia

Carola ha scritto il romanzo “Nero catrame”, la storia è ambientata in Canada a Vancouver, città nella quale vive lavora Anna, giovane e tormentata poliziotta che deve affrontare un complicato caso che coinvolge alcune persone scomparse: giovani donne apparentemente senza relazione fra loro, svanite in un breve lasso di tempo, senza lasciare tracce o messaggi.

Dedica ogni sforzo al tentativo di ritrovarle, mentre alcuni complicati eventi familiari ed enigmatici sogni notturni contribuiscono a mettere a dura prova il suo fragile equilibrio, in un continuo intreccio tra vita personale e professionale, evocando demoni del passato che sembravano sopiti.

Anna non può arrendersi: solo lei le può ritrovare, immedesimandosi nelle loro vite sentimentalmente complicate, con il peso di conflitti mai risolti sulle spalle. Il caso diviene giorno dopo giorno sempre più intricato, portandola a dubitare di trovare una soluzione. Ma indossare i panni delle vittime è la sua forza; prevedere azioni e conseguenze, la sua abilità.

Non agirà da sola, dal momento che anche l’amore entrerà inaspettatamente in gioco nell’indagine.

Difficoltà nel pubblicare il libro

“ Sono stata fortunata, perchè non avevo idea che il mio romanzo potesse essere un giorno pubblicato.

Mi sono ritrovata travolta da questa situazione, soprattutto nell’utilizzare i social come Instagram e Facebook.

Sono stata una delle persone fortunate, che vincendo un concorso è riuscita a pubblicare la sua opera!”

Il rapporto con i social

I social sono un mezzo potentissimo dove potersi far conoscere e presentare, anche digitalmente, la propria opera o semplicemente pubblicizzarla con dei post!”

Un consiglio per gli autori da parte di Carola

“ Crede in voi stessi e nei vostri sogni, perchè noi viviamo per essi.

Se si crede in quello che si fa, bisogna lavorarci sopra e prima di pubblicare un libro affidarsi a persone del settore!”

×