Tempo di lettura: 4 minuti

Emily Pigozzi è un’autrice emergente che ha sempre avuto la passione per la scrittura. Nella vita privata è una mamma, osservatrice e amante della scrittura.

“Per alcuni anni ho scritto poesie, muovendomi nell’ambiente poetico che in Italia è più chiuso rispetto al settore dei romanzi!”

Emily ha anche lavorato come giornalista per qualche anno, e sette anni fa ha iniziato a pubblicare romanzi di narrativa.

La passione per la scrittura di Emily

Emily

“E’ una cosa innata e naturale, fin da bambina ho sempre amato scrivere!”

Emily ha sempre avuto una mente che è in continua ricerca di storie da inventare: le basta un piccolo dettaglio per far si che le storie prendano forma

“La mia passione per la scrittura è nata con me!”

L’idea di scrivere un libro

Emily per molti anni non ha scritto narrativa

“Ho sempre amato leggere e non pensavo che il genere  narrativo non fosse adatto a me!”

L’autrice ha iniziato a scrivere poesie, articoli di giornale e scriveva qualcosa sul suo blog personale, ma l’approccio con la narrativa e la stesura di un romanzo è avvenuta con il tempo.

Nel 2014 è nato il suo primo romanzo “In qualunque respiro” ispirato ad un periodo di vita dell’autrice piuttosto difficile

“Quando sono riuscita a vedere questo periodo da spettatrice sono riuscita a scrivere un romanzo, e da qui che ha inizio la mia carriera come autrice!”

Pian piano che ha iniziato a scrivere ha imparato che la scrittura va sempre allenata

“Imparare a leggere tanto e continuare a scrivere sono i segreti per far si che un romanzo prenda forma, e per vedere un miglioramento dell’opera!”

Il genere del libro di Emily

Emily ha scelto il genere della narrativa femminile. Il titolo del suo libro è “La trama dei sogni”, è basato su due piani temporali: presente e passato.

Tutto è narrato da una travolgente passione sentimentale dei personaggi, senza tralasciare anche momenti di comicità.

Il libro di Emily

Emily

All’inizio il romanzo è ambientato nella Milano dei giorni odierni: confusa, frenetica e piena di lavoratori precari.

La protagonista è una ragazza che dopo l’università sta cercando la sua strada e si tufferà nella metropoli .

Conoscerà un musicista e compositore di musica classica contemporanea in cerca di un’assistente. L’uomo è disabile a causa di una malattia degenerativa che ha cambiato la sua vita. La ragazza entrerà nel suo mondo fatto di musica e paure. Entrambi si sproneranno e varcheranno i confini creati dai loro traumi passati.

Durante la turnè del musicista a Vienna, nel palazzo della sua famiglia,  verrà ritrovato il diario della nonna italiana, attraverso il quale si scoprirà una storia straordinaria ambientata durante il periodo della Prima Guerra Mondiale. Da qui parte la storia di due personaggi e del loro amore che ha come protagonista la musica. Così si vedrà come i destini dei personaggi di Milano siano affini con quelli della Vienna antica.

L’ispirazione di Emily

Emily è ispirata da tutto ciò che la circonda e nei suoi romanzi ci sono anche momenti di vita vissuta, o semplicemente  che ha visto attraverso un  film, letto o sentito.

“Rosa mi rappresenta un po’, la protagonista che si racconta attraverso il diario che lascia ai figli e racconta nei dettagli tutta la sua storia!”

Difficoltà nel pubblicare un libro

“Ho lavorato per tante case editrici e non è stato facile arrivare in una libreria! Ho avuto molte pubblicazioni digitali: come la Rizzoli, ed editori molto importanti!”

Emily per arrivare a far conoscere il suo libro nelle librerie è stata aiutata dal suo agente letterario che è stata molto brava e professionale, ed ha creduto subito nel suo romanzo.

L’autrice ha pubblicato tanti libri sia in digitale che in cartaceo

“Ho scritto moltissimi romanzi non lo dico per vantarmi! Sono partita da scritti più brevi e semplici, ho scritto qualche romanzo di narrativa e altri più sul genere romance!”

Per il futuro la nostra autrice ha un bel po’ di progetti pronti che non vedono l’ora di essere conosciuti dal mondo dei lettori.

Rapporto con i social secondo l’esperienza di Emily

“Ho un buon rapporto con i social, ma poiché hanno bisogno di molta promozione alle volte rubano molto tempo e diventa un vero e proprio lavoro per gestire la propria immagine social!”

Emily ci spiega che anche un post su Instagram, o Facebook portano via molto tempo, soprattutto, se rientrano  nel piano promozionale del romanzo

“Oltre a questo ho conosciuto delle persone alle quali sono molto affezionata:  colleghe con le quali ho stretto un bel rapporto e ci sosteniamo a vicenda!”

Consiglio per gli autori emergenti da parte di Emily

“Una cosa che dico sempre, che è importantissima, è l’umiltà di non sentirsi “mai  troppo pronti” ma di mettersi in discussione e migliorarsi sempre,  non avere fretta nel pubblicare, ma di lavorare sul prodotto per far si che diventi di qualità! Importante è anche farsi consigliare da chi è più esperto di nel settore come un buon editor e un’ altra cosa essenziale: bisogna sempre leggere e scrivere!”

Commenta con Facebook😉
×