Tempo di lettura: 2 minuti

L’accoglienza è la porta delle relazioni perchè ci permette di accedere al vissuto dell’altro e di ospitare l’altro per fargli posto.

Ogni voce che dice che non puoi farlo, deve tacere,

ogni voce che dice che non ce la fai deve sparire!

The freedom writers

Il significato

Accogliere significa andare incontro, aprire la porta del proprio vissuto all’altro, ascoltare, contenere e verbalizzare le emozioni.

Questa capacità ci permette di comunicare all’altro un messaggio esplicito e di rispetto per la sua singolarità, offrendo l’opportunità di potersi mostrare nella sua debolezza e vulnerabilità.

accoglienza

Il film

Nel lavoro educativo accogliere significa sentire i bisogni dell’altro, aiutarlo a stimarsi e ad avere fiducia in se stesso, è sperare in lui e far crescere in lui la speranza.

Il lavoro educativo

Nel lavoro educativo, l’incontro è interpersonale dove da un lato si rifiuta la distrazione, l’indifferenza e la superficialità, e dall’altro si rafforza la dimensione della sollecitudine e il rafforzamento delle potenzialità dell’altro.

Accogliere significa anche saper rispettare i tempi dell’altro, soprattutto quando si lavora nell’ambito della prima e primissima infanzia.

Ogni bambino si prende “il suo tempo” perchè attribuisce valore e significato a ogni momento

Ogni momento è per lui fondamentale perchè gli permette di scoprire la realtà circostante.

L’accoglienza e la diversità

Etimologicamente ci sono due accezioni della parola diverso:

Dis-versus, dis-vertere (volto contro, riferito a un individuo che non ha come me)

Dis-ferre (portare, ciò che l’altro è in grado di portare a me).

Dunque l’accoglienza non è la riduzione dei limiti e delle necessità dell’altro, ma la liberazione delle sue potenzialità e talenti.

Commenta con Facebook😉
×