Tempo di lettura: 2 minuti

La manutenzione predittiva, in inglese Predictive Maintenance, è un processo che si basa su algoritmi di intelligenza artificiale(AI) per il monitoraggio, la predizione di problematiche e fallimenti di una vasta gamma di dispositivi.

Cosa si intende per manutenzione predittiva ?

Con lo sviluppo e la diffusione dell’Internet of Things(IoT) possiamo monitorare attraverso dei sensori economici ed a basso consumo qualsiasi tipologia di dispositivo, dalla caldaia che abbiamo a casa al nastro trasportatore nella grande azienda farmaceutica, fino alle smart car di ultima generazione.

Attraverso questo semplici sensori è possibile raccogliere una enorme quantità di dati essenziali per il funzionamento del processo di manutenzione predittiva. 

Come usare questi dati ?

L’idea alla base è quella di analizzare i dati raccolti e trovare all’interno di essi dei pattern, delle correlazioni e delle strutture che possono aiutare a predire un imminente fallimento del dispositivo che stiamo monitorando.

manutenzione predittiva

Se facciamo l’esempio della caldaia  possiamo immaginare dei sensori che verificano lo stato del dispositivo attraverso il monitoraggio di diversi parametri, ad esempio le variazioni di temperatura, di corrente, il gas, lo stato delle tubature e ancora tanti altri.

Attraverso questa analisi, rigorosamente in tempo reale, è possibile riconoscere i segnali di un imminente guasto della caldaia ed agire di conseguenza, interrompendo ad esempio il servizio e segnalando al proprietario la necessità di una manutenzione. 

La manutenzione predittiva si spinge anche oltre!

Oltre alla prevenzione dei guasti risulta essere un valido strumento per ottimizzare il rapporto tra costi e benefici, ottimizzando il guadagno, ottimizzando le manutenzioni periodiche necessarie, garantendo all’utente una disponibilità del servizio di cui sta usufruendo quanto più elevata possibile…. ovvero la caldaia funziona la maggior parte del tempo in maniera corretta!

manutenzione predittiva

Come dice un vecchio detto, è meglio prevenire che curare! Lo stesso principio è alla base della manutenzione predittiva.
Ma non è tutto oro quel che luccica…

Non è sempre facile sviluppare un sistema funzionante che rispetti tutte le caratteristiche descritte in precedenza.

La benzina che serve affinché tutto funzioni correttamente sono come sempre i dati! 

Ma non dei dati qualsiasi, bensì dei dati che abbiano queste caratteristiche:

  • Devono essere tanti
  • Devono essere dati storici e di buona qualità, ovvero devono essere dati che realmente servono alla valutazione dello stato di un sistema che si sta monitorando. 
  • Devono contenere degli episodi di fallimenti affinché l’algoritmo che ne farà uso possa APPRENDERE che cos’è un fallimento e riconoscerlo quando analizzerà dei nuovi dati.

In generale, ci aspettiamo che con l’interazione sempre più complessa tra sensori e dispositivi, la manutenzione predittiva sia sempre più precisa e ci renda la vita molto molto più semplice

×